HOME PAGECopyrights 1987 - 3 stars *** Hotel

SPECIALE - Itinerari - Visite guidate

Spoleto e dintorni

San Brizio.


Primo Vescovo di Spoleto.

Il giorno sette di settembre, la cittadina di San Brizio festeggia l'omonimo Santo e primo Vescovo di Spoleto. San Brizio nato in Siria nel 50 d.C., fervente Cristiano, fa parte dei 12 Sirii che si sistemarono nelle nostre terre per predicare il Vangelo. A causa delle sue professioni religiose venne arrestato e morí. La tradizione vuole che il corpo di San Brizio sia stato sepolto all'interno del Sarcofago romano presente ancora nella cripta. La chiesa di San Brizio é legata alle vicende del Primo cristianesimo dell'Italia centrale. Dopo la sua morte, la tomba fu oggetto di venerazione e nel IX o X Secolo fu eretta una Chiesa della quale rimane una colonna che é custodita nella cripta. L'attuale Chiesa é della prima metá del Secolo XII sebbene della facciata originaria é solo la bellissima bifora centrale. La pianta é a tre navate suddivise da delle file di colonne. Nei rifacimenti sono stati impiegati dei materiali provenienti da alcune costruzioni romane. All'interno é possibile accedere alla meravigliosa cripta a quattro navate. Il personaggio più illustre della storia contemporanea della cittadina é il Giornalista Walter Tobagi. Walter tobagi nacque a San Brizio di Spoleto 18 marzo 1947 e dopo una vita spesa per diffondere i suoi principi Cattolici e sociali, le sue scoperte sui segreti delle stragi e sui "cuscinetti riformisti" utilizzati con probabilitá come alibi dai Brigatisti é stato freddato da 6 colpi di pistola in Via Salaino -Milano- il 28 maggio 1980 alle ore 11:00, dalla "Brigata 28 marzo", lasciando la moglie, Maristella, e i figli Luca e Benedetta.